Il Manifesto Roagna

#06

Lunga maturazione in botti di rovere

Le regole della nostra famiglia riguardanti l’affinamento in grandi botti sono molto precise. Ogni vigneto ha una propria identità. Per rispettarla, ogni vino che ne deriva deve raggiungere in legno la piena maturità.

Pira e Asili, che si basano sulla purezza e l’eleganza, di norma necessitano di 3-4 anni in botte grande di rovere per raggiungere la loro piena espressione. Crichet Pajé, Pajé e Montefico, vini in cui emergono purezza, struttura e complessità, necessitano di invecchiamenti più lunghi, da 4-5 sino a più di 10 anni in alcune particolari annate. Non esiste una regola, ma tradizione e storia di famiglia aiutano a interpretarli.

I vini di finezza attendono i vini di struttura riposando in botti di cemento.

A piena maturità, nel periodo estivo, tutti i vini vengono imbottigliati. I legni utilizzati arrivano da selezioni meticolose dei nostri fornitori. Ogni botte è costruita a mano, le doghe sono piegate a vapore senza alcuna tostatura. I legni sono stagionati fino a 10 anni per poter garantire una maturazione al vino molto lenta, senza interferire nella loro purezza.