Il Manifesto Roagna

#02

Selezione massale

La bellezza di un vino nasce da un concerto suonato da migliaia di viti diverse. Ognuna di esse interpreta in modo personale il sottosuolo.

I ceppi presenti nei nostri vigneti derivano da legni di madri-viti delle nostre menzioni geografiche, così da mantenere una popolazione eterogenea che garantisce la biodiversità e l’espressione di ogni singolo individuo. La bellezza delle varietà autoctone di Langa sta anche nel loro lungo adattamento ottenuto nei secoli. Per questo motivo riteniamo fondamentale mantenere le piante che si sono adattate ai singoli vigneti negli anni. È pratica comune nei nostri appezzamenti non mescolare i legni delle diverse menzioni, ma portare avanti le piante storicamente presenti sulla stessa particella, perché pensiamo si siano perfettamente adattate.

Contemporaneamente nel 2012 abbiamo iniziato una sperimentazione di viti da seme, ottenuta seminando vinaccioli delle viti più vecchie e interessati dei nostri diversi vigneti per originare nuove piante-figlie. Questa era una pratica abituale degli antichi monaci ed è tutt’oggi molto importante. Serve per ottenere nuove piante-figlie, fondamentali in futuro per salvaguardare (o addirittura aumentare) la biodiversità del vigneto.