I vini Roagna

Barolo Pira

DOCG

Il vigneto Pira è un vigneto storico di Castiglione Falletto, il borgo centrale nella zona del Barolo.
Di proprietà della famiglia nobile, nei secoli passati era collegato direttamente al castello con una strada privata.

Pira è esposto a Sud Est, nel versante di Serralunga e Perno. Ha avuto origine dalla disgregazione delle Rocche. È una menzione geografica monopolio della nostra famiglia dal 1989, anno in cui fu acquistato. È il vigneto con maggiore estensione di proprietà: 11 Ha totali di cui 4.88.30 vitati a Nebbiolo, con suolo e microclima unici. È protetto nella parte superiore dalle rocche di Castiglione e a Valle da un bosco con un rio che scorre dalla Bussia. È l’habitat perfetto per il nostro concetto di viticoltura, rispettosa della vita dei suoli.

Possiamo dividere Pira in 6 micro appezzamenti, che differiscono per la composizione del terreno (che va dalla roccia calcarea della Roca alla marna bluastra) e in base all’età delle vigne.

Le piante per questo vino hanno un’età compresa tra i 25 e i 50 anni. Le viti sono esclusivamente di origine massale, con legni ottenuti in potatura dalle vecchie viti di questo vigneto.

L’uva si raccoglie normalmente a metà ottobre, a perfetta maturazione fisiologica. La vendemmia è manuale, in piccole cassette. Prima di essere vinificata, l’uva segue 2 ulteriori selezioni manuali volte a controllarne la perfetta integrità.

La fermentazione avviene esclusivamente in tini di legno, grazie ad un pied de cuve di lieviti Indigeni. Si protrae per una decina di giorni. Successivamente viene applicata l’antica tecnica di macerazione della steccatura a cappello sommerso, che si protrae per 2 mesi / 2 mesi e mezzo (60 – 75 giorni).

Il vino matura poi in una botte di rovere neutro per circa 5 anni.
La produzione di bottiglie è limitata, con meno di 15.000 bottiglie per millesimo.
Nell’etichetta si può trovare il numero totale di bottiglie prodotte.

Scheda tecnica (Download pdf)